L’assemblea dei soci ha deciso: rinnovato il Direttivo, Giulio Cusumano nuovo Presidente

Si è svolta stamattina, presso il teatro Agricantus di Palermo, l’annuale assemblea dei soci dei “Comitati Civici”.

Nel corso della partecipata assemblea, cui erano altresì presenti il Professore Gianni Nanfa, Nino Parrucca, Mario Pupella, nonché diversi Presidenti di associazioni cittadine e rappresentanti dei teatri privati, la compagine sociale – fortemente rinnovata nei suoi componenti – ha indicato le priorità programmatiche che il neoeletto Consiglio Direttivo dovrà perseguire, durante il prossimo anno sociale: grande attenzione è stata posta verso le tematiche cittadine legate alla mobilità ed all’ambiente, ma particolare cura  negli eventi ed iniziative future sarà data anche a tutte le tematiche legate al sociale ed al sostegno delle fasce più disagiate della popolazione.

L’assemblea dei soci ha eletto per acclamazione il nuovo Direttivo, composto da Claudio Castronovo, Daniele Chiovaro, Giulio Cusumano, Fabio Pernice e Rosaria Vinciguerra e, tra essi, nominato il nuovo Presidente Giulio Cusumano, attuale consigliere comunale, che succede al Presidente uscente Leonardo Canto.

Il Movimento, rinnovato nelle cariche, forte del risultato ottenuto alle scorse amministrative del Comune di Palermo (ove ha presentato liste nelle circoscrizioni e candidati nelle liste civiche, che hanno raccolto migliaia di preferenze), intende strutturarsi in questo 2019 in tutti i 25 quartieri del capoluogo siciliano e nei paesi della provincia, nominando a tal fine i “responsabili di comitato”, per ognuno dei 25 quartieri cittadini e gli 81 comuni della provincia.

Il neo Presidente Giulio Cusumano, a margine dell’assemblea, ha dichiarato: “sono onorato dell’incarico e della fiducia che mi è stata riconosciuta quest’oggi. Mi impegnerò quotidianamente per il raggiungimento degli obiettivi preposti, con la consapevolezza di mantenere al centro il grande amore per la nostra Palermo. Non posso che ringraziare inoltre – prosegue Cusumano – i soci fondatori del movimento per la fiducia risposta in me e per aver fatto proprie le mie decennali politiche in favore dell’affido familiare, degli incentivi ai presidi culturali cittadini, dell’inserimento lavorativo dei ragazzi disabili, del turismo in città”.