Stadio delle Palme, Occhipinti: “Dirigente responsabile, va rimossa”


Il Capogruppo dei Comitati Civici al Consiglio Comunale di Palermo, Filippo Occhipinti, attacca duramente l’amministrazione comunale e la dirigente responsabile del caos creatosi attorno alla vicenda relativa alla gestione dello Stadio delle Palme, concesso dal Comune ad una impresa privata per pochi spiccioli per l’organizzazione dei concerti di Mika e dei Negramaro.

“Non si comprende come il Comune abbia potuto autorizzare una simile operazione – afferma Occhipinti – dal momento che è totalmente errata da ogni punto di vista. Ad esempio, i disciplinari d’uso della struttura, in essere tra le parti, riporta degli errori formali e sostanziali e pertanto potrebbe facilmente essere oggetto di contestazione ed annullamento, in un ormai probabile contenzioso, con le conseguenze che ne deriverebbero per l’Erario. Ad esempio, nello stesso documento si legge che la data del concerto dei Negramaro è fissata per il 26 giugno mentre l’accesso all’impianto è consentito dal 25 luglio. Inoltre la fideiussione per la responsabilità civile, presentata dal concessionario in duplicato, riporta come data di scadenza il 20 aprile. Dunque per le date dei concerti questa sarà scaduta, con tutte le conseguenze del caso che ne deriveranno. E’ evidente – aggiunge Occhipinti – che il Comune e i dirigenti responsabili hanno gestito la vicenda in modo a dir poco approssimativo, e per tale ragione chiediamo ufficialmente la rimozione di tutti coloro che a vario titolo hanno contribuito al crearsi di tale scellerato risultato”.

Occhipinti suggerisce una soluzione “di comodo”, infine, che potrebbe togliere le castagne dal fuoco del Comune: “Spostare tutto presso il Velodromo potrebbe essere una soluzione, evitando così di esporre l’intera collettività ai danni conseguenti al mancato rispetto degli accordi presi dall’Amministrazione”.