Palermo, successo de “Le Vie dei Tesori”, Alessio Messina: “Estendere l’iniziativa ad altri periodi dell’anno”


I numeri parlano chiaro: 210 mila visitatori, in 90 luoghi, nel corso dei cinque weekend del mese di ottobre, che hanno prodotto una ricchezza turistica per la città di circa 2 milioni e 300 mila euro. Ed ancora, il complessivo livello di gradimento dei visitatori si è attestato intorno al 91%, con una parte importante (circa l’80%) rappresentato da turisti stranieri o provenienti da altre parti d’Italia, appositamente giunti a Palermo per prender parte alla manifestazione.

Sono questi, in sintesi, i risultati de “Le Vie dei Tesori”, la kermesse che – giunta ormai alla sua X Edizione – ha permesso alla Città di Palermo di vivere settimane di frenetico protagonismo, con centinaia di migliaia di persone incantate dalle sue bellezze più nascoste, per l’occasione accessibili al pubblico.

Un’occasione di ricchezza per l’intero capoluogo, dunque, che ha incontrato il totale apprezzamento di tutti i soggetti coinvolti: albergatori, turisti, proprietari dei luoghi “nascosti” e che potrebbe rappresentare, per l’intera comunità, un formidabile volano di sviluppo e benessere.

Ne è convinto Alessio Messina, Capo dell’Area Comunicazione e Membro fondatore de “I Comitati Civici”, che auspica l’estensione dell’iniziativa anche ad altri periodi dell’anno: “Anche quest’anno la manifestazione ha espresso appieno tutto il proprio potenziale, regalando alla nostra città un bacino di turisti e visitatori a dir poco sorprendente: godere di oltre 200 mila visitatori, in un periodo dell’anno come quello autunnale, è un risultato non di poco conto, che dimostra quanto l’iniziativa sia lodevole e ben concepita”.

A parere di Messina, inoltre, “sarebbe il caso di riflettere su una eventuale estensione temporale di questo importante momento turistico. Perché, ad esempio, non inaugurare una “versione primaverile”, magari diversificando la tipologia di siti e luoghi di interesse da poter visitare? Sarebbe molto interessante – prosegue Messinaprevedere due differenti appuntamenti, nel corso dell’anno, così da consentire alla nostra Palermo di poter godere di un raddoppiato effetto”.

“In ogni caso – conclude Messina – ci auguriamo che “Le Vie dei Tesori” goda di lunga vita, avendo dimostrato con risultati concreti tutta la propria forza attrattiva. In una Palermo ideale, simili iniziative andrebbero programmate ogni due o tre mesi, così da incentivare ancor di più l’afflusso turistico in entrata”.