Palermo, approvata la mozione per la risoluzione del contratto con la RAP


Nella giornata di ieri il Consiglio della Sesta circoscrizione del Comune di Palermo ha approvato, all’unanimità, la mozione proposta dal gruppo consiliare de I Comitati Civici, nella persona del consigliere Leonardo Canto, al fine di ottenere la risoluzione del contratto di servizio tra l’Amministrazione comunale e la Rap per grave inadempimento dell’azienda municipalizzata, ai sensi dell’art. 18 del contratto di servizio.

Tale atto ispettivo, dall’alto valore simbolico, ha inteso rappresentare la profonda insoddisfazione dei cittadini per il servizio reso a fronte dei tributi versati.
L’approvazione all’unanimità della mozione ha inoltre un chiaro valore politico: l’insoddisfazione per il servizio reso non ha colori ed appartenenze, è un sentire diffuso della popolazione che, per il tramite dei propri rappresentanti in seno alla circoscrizione, troppo spesso ormai non trova riscontro alle legittime istanze di pulizia, decoro urbano ed opere manutentive delle quali l’azienda municipalizzata, giusto contratto di servizio, dovrebbe farsi carico.
L’art. 18 del contratto di servizio prevede la possibilità per le parti di risolvere il contratto per grave inadempimento: orbene, è stata allegata alla mozione ampia documentazione che testimonia tale grave inadempimento chiedendo, per l’effetto, al Sindaco ed alla giunta di risolvere il contratto di servizio.